horizontal rule

  

  

 

                  

Su

                        La  Scuola  di     TOUEI  CHOU

La scuola di Touei Chou presenta un percorso di intensi studi delle forme esterne (Wai Jia), e in parte di quelle Interne (Nei Jia), tecniche di armi  come il Bastone,la Spada,la Sciabola ,i Pugnali,i Sai,Tonfa, il Ventaglio,ecc, e stili imitativi animali quali : Tigre,Gru,Scimmia,Mantide,Drago,Orso. Lo stile di famiglia ha origini antiche tramandato di generazione in generazione nasce nella Cina del sud, subisce nel corso degli anni influenze da altri stili cinesi. E’ considerato uno stile del Sud.   

Il termine Touei  Chou significa,”l’arte,lo stile dell’evitare i colpi”.

 Gli stili si dividono in stili del nord (Bei Pai) e stili del sud (Nan Pai), con caratteristiche diverse che dipendono dalla diversa corporatura e dai differenti stili di vita dei cinesi del nord e di quelli del sud. Questa classificazione investe gli stili esterni.

Gli stili del nord, considerato che i cinesi nomadi del nord erano di grande stazza, cacciatori ed esperti cavalieri, ha molte tecniche eseguite con gli arti inferiori,quindi calci,schivate,salti e movimenti acrobatici. 

I cinesi del sud erano di corporatura più esile e sedentari. Essendo stati coltivatori di riso e pescatori erano abituati a posizioni basse, particolare che si trova negli stili del sud, insieme alle molte tecniche di arti superiori, dato che simili occupazioni facevano lavorare le braccia ed il busto.

Gli stili del sud sono caratterizzati anche dalla ricerca del corpo a corpo.

Ovviamente nei secoli, a causa dei viaggi dei maestri e delle migrazioni, questi fattori si sono un po’ mescolati. Si può affermare che gli stili del nord si sviluppano a settentrione del fiume Yang Se, mentre quelli del sud sulla riva opposta.

 

Le Arti Marziali Cinesi sono state suddivise in due grandi gruppi:

 

1)      WAI JIA o Sistema Esterno: comprende tutti gli stili “duri” o “esterni”,chiamati cosi per l’importanza che viene in questi stili attribuita ad una pratica assai vigorosa in cui si evidenziano soprattutto le caratteristiche “esteriori” di forza e velocità.

2)      NEI JIA o Sistema Interno: comprende tutti gli stili “morbidi” o “interni”, chiamati cosi per l’importanza che viene in questi stili attribuita allo sviluppo e alla energia interna.

Il principale stile esterno è lo Shaolin Classico della Cina del Nord. I più noti stili interni sono T’ai Chi Ch’uan, Pa Kua e Hsing-I. Diciamo subito che la suddivisione fra Wai Jia e Nei Jia, anche se talvolta comoda, è artificiosa e concettualmente errata. Non esistono stili duri  e stili morbidi: per raggiungere l’efficacia bisogna sempre combinare la durezza con la morbidezza.Inoltre anche negli stili esterni lo sviluppo dell’energia interna è di fondamentale importanza e negli stili interni non si rifugge certo da una pratica vigorosa.Possiamo solo dire che in una fase iniziale negli stili “duri” le tecniche vengono eseguite in maniera forte e veloce, mentre negli stili “morbidi” vengono eseguite assai lentamente ed in completa decontrazione muscolare.In una fase successiva negli stili “Duri” si ricerca la morbidezza mentre negli stili “morbidi” la pratica diventa più vigorosa. Infine le differenze fra Wai Jia e Nei Jia tendono a sparire.