horizontal rule

  

  

 

                  

Su

Napolitano Giuseppe (Beppe)

C.n.   4° Dan Karate-Do Tradizionale

 

 

 

Inizia la pratica dei karate nel 1973 

Allievo della scuola stile Shotokan del M°Hiroshi Shirai 

Consegue la cintura nera nel 1976 
Arriva la qualifica di istruttore nel 1978 e il grado di 2°Dan 

Raggiunge meritate soddisfazioni nel percorso agonistico e nell'insegnamento sapendo trasmettere agli allievi il vero significato del karate
La ricerca continua di miglioramento nel karate, lo porta alla pratica anche di altre discipline come Full Contact- yoseikan Budo - Kobudo ecc ...
Nel frattempo la scuola con il M° Hiroshi Shirai cintura nera 9°Dan, si è consolidata, ed è al guida della FIKTA(Federazione Italiana Karate Tradizionale)è da considerarsi a tutti gli effetti, il vero karate poiché ne evidenze gli aspetti più profondi, quelli psicologici e Spirituali, come le sue origini, alla fine del 800 ai primi del 900 alcuni maestri che vennero a contatto con la secolare tradizione dei Budo trasformano radicalmente il Karate cambiandone anche il significato dei termine che divenne "mano vuota", indicando un un concetto ancora più profondo di "VUOTARE SE STESSI".Da allora alla parola karate venne aggiunta la parola "Do" che significa "Via" diventando cosi KARATE-DO (come Ju-do , l'aiki-do, il ken-do, ecc ...) 

Segue e pratica questa scuola e con essa ha ottenuto il grado di 3°Dan lo entusiasma nel trasmettere tre punti portanti della antica arte ( SHIN-GI-TAI) allenare mente tecnica e corpo ( "Via" per il miglioramento dell'uomo )

Pone agli allievi l'attenzione'di 5 regole dei DOJO (palestra) 

D0J0 KUN: il Karate è un mezzo per MIGLIORARSI - è via di SINCERITA'-È un mezzo per rafforzare la COSTANZA DEL SPIRITO - è via per imparare il RISPETTO UNIVERSALE- è via per acquisire L"AUTOCONTROLLO